28/02/2013 – day 13
SCOOTERANDO PER KOH PHANGAN

Taxi @Koh PhanganTutti sconsigliano di guidare uno scooter a Koh Phangan, ma a parte quelle specie di pick-up dove ti caricano sul cassone posteriore come se stessero trasportando delle bestie al macello, è in effetti l’unico modo efficace ed economico per visitare quest’ isoletta.
Siamo abituati ai cavalli ed al peso del nostro Ducati Monster, cosa mai potrà farci un motorino? Al massimo riportarci alla mente qualche bel ricordo dei 16 anni! Perciò, quando anche la Lonely Planet ha cercato di avvisarci, noi ci siamo scambiati un sorrisetto ed abbiamo semplicemente voltato pagina facendo finta di non aver letto bene.

Ottenere uno scooter è semplice, ma altrettanto pazzesco allo stesso tempo. Ad ogni angolo di strada c’è qualcuno che li noleggia ed i prezzi che abbiamo sentito si aggiravano attorno ai 200-250 baht al giorno (6-8$). Ci si siede al tavolino, si compila un pezzettino di carta con nome, cognome e qualche altra informazione inutile, si deposita il passaporto, si firma di pagare tutti i danni arrecati al mezzo ed in un baleno si è già in groppa; senza assicurazione, uno straccio di istruzioni o tanto meno benzina.
I motorini vengono tutti lasciati a secco spietato e inevitabilmente, appena voltato l’angolo, ecco un altro “banchetto amico” che vende benzina in bottiglia, al doppio del prezzo normale.Scooter @Koh Phangan

Questi scooter sembrano buoni alla vista, ma sono tutti decisamente malandati. Hanno passato i 30.000km da quel pezzo, saranno cascati sicuramente 4 o 5 volte, le gomme sembrano quelle di una bicicletta ed i freni probabilmente li hanno barattati con quelli di un triciclo.
Dopo i primi 5 minuti di viaggio,  capiamo cosa tutti intendevano. Salite e discese ripidissime, strade strette e sabbiose, curve pericolose, incroci non segnalati e buche profonde. Tutta roba che per motociclisti inesperti (e magari mezzi brilli) si traduce inevitabilmente in una sola cosa: un bel bacino all’asfalto. Per noi è andato tutto liscio, ma è veramente comune vedere in giro gente con fasciature a caviglie, ginocchia e spalle o con delle belle sgrugnate a gomito e mento!

La prima tappa di oggi è stata Koh Ma, un’ isoletta attaccata alla terra ferma da una striscia di sabbia e considerata il miglior posto per lo snorkeling e le immersioni subacquee.
Koh Ma@Koh PhanganPurtroppo, subito dopo qualche bracciata, capiamo che la visibilità è veramente pessima ed abbandoniamo l’idea dello snorkeling  per goderci il sole caldissimo. La spiaggia è carina e rilassata, anche se in alcuni punti decisamente sporca, ma la passeggiata in mezzo all’acqua per raggiungere l’isoletta è davvero suggestiva.  Lasciata quest’attrattiva a nord, tagliamo in due l’isola in direzione sud passando per una stradina poco frequentata che si snoda tra le piantagioni di banane (dove la Pam è riuscita a fregarne un paio !!!),una specie di zoo dove è possibile cavalcare (tristissimissimi) elefanti ed una bella discarica puzzolente dove capiamo il concetto di raccolta differenziata:  persone in cima al mucchione d’ immondizia che a mani nude aprono i sacchi e recuperano quello che riescono: carta, plastica o vetro!
Arrivati nel sud dell’isola torniamo a visitare la spiaggia di Haad Rin Nok, dove qualche sera fa abbiamo partecipato al Full Moon Party. Quello che sembrava il luogo più bello e divertente della terra, di giorno non è altro che un ammasso di strutture malandate, puzza e sporcizia…più un campo di battaglia che una spiaggia.
Prima di rientrare alla base e prepararci per il trasferimento  a Koh Samui di domani, ci fermiamo nel paesotto più grosso dell’isola, Thong Pantip Market  @Thong Sala, Koh PhanganSala e ceniamo al delizioso Pantip Market, il mercato notturno dove decine di bancarelle propongono specialità internazionali e prezzi bassissimi…se ve la sentite potete anche assaggiare le cavallette!

CONSIGLIO : A meno che non venite a Koh Phangan per fare festa 24 ore al giorno, per godervi al meglioi il mare e le spiagge tropicali, vi consigliamo di soggiornare ovunque ma non a Haad Rin Nok.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>