04/03/2013 – day 17
KOH SAMUI -> PHUKET : OHMMIODDIO!!!

Pubblicato il by tastesofworld

Probabilmente siete stanchi di sentire che ci lamentiamo dei trasporti thailandesi, perché noi lo siamo  per davvero.
Oggi abbiamo lasciato Koh Samui in direzione di Phuket, sulla costa occidentale della Thailandia.
Mai contenti di farci fregare, abbiamo chiesto all’hotel di prenotarci il biglietto combinato barca+bus e per la prima volta abbiamo veramente avuto l’impressione di essere stati  vittime di SCAM, ovvero la pratica diffusissima da queste parti di farti pagare un servizio ad un prezzo  decisamente troppo elevato per quello che si riceve.
Un pulmino ci raccoglie all’hotel comodamente alle 6 del mattino e dopo mille soste a raccattare altre persone ci consegna di fronte al banchetto della compagnia.  Sbrigate le formalità, ci indicano (l’inglese naturalmente è un optional) un pullman fatiscente che dovrebbe portarci al traghetto; solo un problema: è già stra-pieno e ci sono altre 20 persone che stanno aspettando al di fuori con valige e zaini annessi. L’espressione dell’ autista ed il momento in cui si è messo le mani nei capelli disperato sono stati esplicativi della lunga giornata che stava incominciando.

Il viaggio in barca, nonostante tremendamente lento, non è andato male ed una volta arrivati sulla terra ferma ecco ripresentarsi lo stesso problema di prima. Un solo bus, 20 persone in più, con un’ inevitabile irritante ed infinita attesta prima che un secondo mezzo arrivasse.
Quando ti devi fare 8 ore di autobus, gradiresti tanto un paio di servizi essenziali : aria condizionata, bagno, spazio a sedere per tutti e soprattutto un servizio non-stop da partenza a capolinea. Da queste parti, assolutamente nulla di tutto ciò. L’azienda che si occupava del trasporto terreste è attiva dal 1970, ma da allora non ha assolutamente aggiornato nulla: ne lo staff ne i mezzi. Ed è cosi che ci troviamo su di un pulman arrugginito, vecchio di 40 anni gestito da una sdentata signora decrepita  e guidato da un signore ancora più decrepito ed ancora più sdentato di lei.
A parte qualche connazionale che tra una bestemmia e l’altra non la smetteva di ricordarci il trattamento da galline che stavamo ricevendo e un gruppo di francesi con il “putain con” facile, tutti gli altri erano locali e tutto questo ci ha fatto sorgere il dubbio di essere stati raggirati per bene.
Il viaggio è stato lentissimo e qualcosa di assolutamente lontano dal concetto di “diretto”. Ogni 5 minuti l’autista era fermo a caricare o scaricare gente per visite di cortesia ad amici o solo il cielo sa per quale altro motivo. Sedili scomodi, caldo insopportabile, bus ultracarico (inclusa gente in piedi nel corridoio con l’ascella a 5 centimetri dai nostri nasi)…così per  interminabili  8 ore.
Per grazia divina ci sono stati concessi 15 minuti d’aria nei quali dovevamo andare il bagno e magari mangiare qualcosa dagli “amici di amici”, naturalmente a prezzi assurdi!!!
Per finire in bellezza siamo stati scaricati alla stazione dei pulman di Phuket Town, a venti chilometri dalla spiaggia. E qual è secondo voi l’unico modo per raggiungerla? Affidarsi a uno dei ladri autorizzati , da queste parti chiamati taxisti, tutti belli allineati e già dietro a sfregarsi le mani.

Distrutti e decisamente amareggiati ci consoliamo con il fatto che almeno abbiamo vissuto un momento di autentica vita thailandese, ma ci è decisamente bastato. La prossima volta piuttosto ce la facciamo a piedi!

Ore 20.30, finalmente arriviamo all’ Hollywood Inn Love. Non esattamente sulla spiaggia, ma una buona qualità prezzo. 

Buonanotte!

CONSIGLIO : Non ce lo aspettavamo, ma i trasporti in questa parte del mondo sono lentissimi, disorganizzati e tutt’altro che affidabili. Se non pianificati bene rischiano di portarti via giorni interi e stressarvi parecchio!!!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>