03/03/2013 – day 16
ESPLORANDO KOH SAMUI

Pubblicato il by tastesofworld

Hin-Ta @Koh SamuiUn giorno intero di mare e spiaggia non è bastato per riprenderci dalla batosta del viaggio di qualche giorno fa, ma è comunque giunta l’ora di saltare in groppa ad un altro motorino malandato e lanciarci all’esplorazione di Koh Samui.
Iniziamo con un dono che la natura (forse?!?!?) ha fatto alla parte meridionale di Lamai Beach, Hin-Ta e Hin-Yai: due rocce a distanza di qualche decina di metri l’una dall’altra che ricordano inequivocabilmente un pistolino e una passerina e sono diventate popolarissime tra i viaggiatori che si divertano a venire qui per scattare qualche foto da super-dotati.
La tappa successiva è stata la cascata di Nam Tok Na Muang, la più alta dell’isola. Per raggiungere la vetta ed avere una bella visuale del salto d’acqua è necessario fare una bella scarpinata, arrampicarsi su qualche roccione ed attraversare ponti di bamboo molto-molto-molto provvisori.Cascata @Koh Samui
Giunti in cima, decisamente sudati ed affaticati, è possibile pucciarsi nell’acqua fresca, ma dopo aver fatto il bagno sotto le Florence Falls del Litchfield National Park in Australia (24/05/2012), questa ci sembra poco più che una pozzanghera sporca.
Ripartiamo in direzione nord ed arriviamo giusto ad ora di pranzo a Bo Phut, nella parte settentrionale dell’isola, dove dovrebbe esserci un villaggio di pescatori. Il villaggio è carino anche se nonostante il nostro impegno, di pescatori non ne abbiamo visto uno; magari hanno tutti cambiato mestiere e sono diventati venditori di magliette e souvenir. Se non altro, un bel pranzetto sulla spiaggia con una meravigliosa vista su Koh Phangan all’orizzonte è valso il viaggio.
Rientrando verso sud facciamo una sosta in un mercato di prodotti decisamente caratteristico, dove troviamo un vitello morto appeso per le gambe ed il suo macellaio intento a tagliare e vendere ai clienti i pezzi richiesti!
Guidando lungo la costa, avvistiamo l’immenso Buddha dorato di Wat Phra Yai e ci soffermiamo ad esplorare questo tempietto dove avvistiamo per la prima volta un paio di monaci buddisti, scalzi, rasati e con la classica tonaca arancione.
Big Buddha @Koh SamuiE’ ormai l’imbrunire e decidiamo di fermarci a Chaweng Beach, la località più mondana dell’isola, dove il divertimento è assicurato per tutti: discoteche open-air, ristoranti raffinati, pub con musica dal vivo e spettacoli cabaret di transessuali!

CONSIGLIO : Le attrazioni di Koh Samui sembrano state create più che altro per dare un contentino ai tanti vacanzieri dei villaggi stanchi di stare sullo sdraio, ma non sono niente di eccezionale. Comunque, vale la pena noleggiare lo scooter anche solo per aver la possibilità di perdersi tra le zone meno turistiche dell’isola.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>