05/02/2012 – day 15
JUMP OFF

Granita HawaiianaUn caldo afoso ci sveglia.
Sono appena le 8 del mattino e nonostante siamo parcheggiati a due metri dal mare, il caldo si fa sentire.
Così voliamo giù dal letto e presi da una voglia improvvisa corriamo in spiaggia e ci tuffiamo in mare.
Torniamo al van e prepariamo la colazione. Allestiamo tutto su una scogliera e i passanti ci guardano con occhi invidiosi: c’è chi vorrebbe unirsi a noi, ma la moglie glielo impedisce, o chi ci fa i complimenti per la bella idea…intanto noi ci godiamo la coalzione e ammirando il panorama ci gustiamo l’anteprima della nostra futura casa in riva al mare!!!
Nella piazzetta di fronte al nostro parcheggio stanno spuntando come funghi bancarelle varie…il mercato!!!
Ci intrufoliamo tra i banchi e dopo poco ci colpisce quello che prepara le granite hawaiiane : sono fatte di neve, quella appena caduta ancora soffice e buona da mangiare, poi vengono cosparse con sciroppi di mille colori e sapori diversi.
Ce le gustiamo su una panchina ascoltando un blues malinconico suonato divinamente da un paio di artisti di strada.
Partenza...E’ ora di tornare in spiaggia, perche ci attende il “Fil Rouge” del giorno: il salto dalla banchina!
Si perche dopo la Big Banana la seconda cosa piu famosa di Coffs è la possibilità di saltare giù dal Jetty ovvero la passerella di legno che termina in mezzo al mare!!!
La Pam se la fa sotto e quindi si limiterà ad immortalare Lele che si ammazza.

Ok…come riscaldamento iniziamo con un paio di tuffi da 3 metri. Niente di particolarmente eccitante, ma almeno inizio a prendere confidenza con l’altezza e con l’acqua (ed imparo da subito che se non tengo le braccia ben attaccate al corpo c’è da farsi male davvero). E’ ora…il tuffo da 10 metri mi attende. Alla mia destra ragazzini di tutte le età si lanciano spavaldi e senza paura mentre alla mia sinistra due innamorati si tuffano per mano giurandosi eterno amore. Lancio uno sguardo invitante alla Pam che mi risponde con la sua occhiata non-ci-pensare-nemmeno! e capisco che sta pazzia devo farla da solo.
Sembra banale, tutti lo fanno, ma quando scavalco la ringhiera e mi preparo a saltare le gambe
...Arrivo! iniziano a tremare e in testa inizio a sentire due vocine che mi dicono: “Salta…Non Saltare”.
Incoraggiato dal grido “JUMP OFF” della gente già in acqua mi lascio andare e pochi istanti dopo sono sottacqua pensado : “Fico…Rifacciamolo!!!” .

Dopo un paio di salti adrenalinici rientriamo sulla spiaggia e ci concediamo un po’ di relax.
Sono ormai le 4 ed è già ora di ripartire. Salutiamo Coffs cosi presto perché sulla via del ritorno vogliamo fermarci a Nambucca Heads, caldamente consigliata dalla Lonely.
@Nambucca HeadsA prima vista questo paesello anonimo non ha nulla da raccontare. Ci prendiamo comunque un paio di orette per passeggiare tranquillamente lungo la costa e veniamo ripagati da spettacolari panorami al tramonto e soprattutto da una distesa infinita di conchiglie tra le quali ne troviamo alcune grosse e bellissime, che ricordano quelle dei mari esotici, (per capirci quelle che se accostate all’orecchio ti permettono di sentire il mare) ed inoltre ne troviamo un paio non tanto grandi ma veramente carine con le quali vogliamo farci delle collane.

CONSIGLIO : Provate a saltare giù dal Jetty…vi darà una bella scarica di adrenalina!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>