04/02/2012 – day 14
MAREEE…

Dove sono i pancakes? Solitamente la Pam mi sveglia con queste prelibatezze già pronte per essere pappate, ma oggi sento che c’è qualcosa di diverso… mi giro e la vedo ancora li, nel letto a poltrire?!?!

Bluberry PancakesDopo aver allestito il nostro tavolino “zampe corte” e le sedie nell’aiuola della stazione di servizio (immaginatevi la scena in un autogrill italiano) iniziamo a preparaci la colazione a base di pancakes ai mirtilli sotto gli occhi invidiosi di tutti i camionisti di passaggio…DE-LI-ZIO-SI…veramente buoni e ce ne siamo scorpacciati un’infinità!!! Dopo almeno un’ora abbondante di colazione siamo pronti…si va al MAREEE, più esattamente a Coffs Harbur.
Questa località turistica è famosa a tutti per una cosa: la mitica Banana Gigante che una volta arrivati è la prima meta, ma ci delude profondamente. L’unica cosa veramente interessante del comprensorio della banana è la pista di pattinaggio sul ghiaccio, aperta anche oggi in piena estate con 30 gradi all’ombra!
E’ veramente una giornata eccezionale, non c’è una nuvola in cielo e dopo aver fatto due passi in centro a Coffs (giusto 2 perché è veramente microscopico) facciamo rotta verso il molto e le spiagge.
E’ora di mangiare e la Lonely ci suggerisce Fisherman Co-op dove trovare ottimo fish and chips spendendo una fesseria ed in effetti ci mangiamo due abbondanti filetti di Hoki con patatine medie per 15 dollari…in 2!
E’ ora della passeggiata per digerire e costeggiamo il porto verso Mutton Bird Island un isolotto famosissimo per essere il luogo dove una particolare specie di uccelli migra dal emisfero boreale per deporre le uova.Big Banana
Arrampicandoci su per questa collinetta ecco l’imprevisto della giornata : la Pam caccia un urlo epico e tremando indica qualcosa vicino al sentierello, abbasso lo sguardo ed è la testa di un SERPENTE!!!
Mentre stiamo gia per darcela a gambe levate e buttarci in acqua per salvarci, eccolo che esce dal cespuglio…camminando?!?! Si, esatto, questo lucertolone ha le sembianze di un serpente, ma non striscia…è dotato di 4 misere zampettine che usa per camminare!!! Una famiglia di Australiani dopo essersi goduti la scena si avvicina e ci dice: ”vi ha spaventato anche a voi il Blue Tongue? Secondo noi si diverte a farlo con tutti i turisti”.
Dopo averla scampata bella, proseguiamo fino alla fine dell’ isolotto dove un panorama mozzafiato si apre e scopriamo che è uno dei posti migliori per osservare la migrazione delle balene in maggio-giugno.
Rientriamo al van e troviamo parcheggiato di fianco a noi un van familiare. Due ragazzi inglesi che avevamo incontrato sabato scorso a Port Mcquire…incredibile…com’è piccola l’australia!
Ci mettiamo il costume e ci concediamo un bagno e un po’ di relax a Park Beach.
E’ già ora dicena e di trovare un posto dove dormire . Facciamo un salto da Woolworths, ci accaparriamo quattro ottimi pezzi di carne da fare su una delle tante griglie sparse nel lungo mare di Coffs.
Park Beach - Coffs HarbourMentre stiamo scegliendo un sacco da tre chili di arance (si perche da quando abbiamo iniziato l’avventura Lele non fa altro che bere spremuta) un personaggio ci aggancia chiedendoci “Parlate una lingua straniera?” e ci intrattiene per una decina di minuti parlando del piu e del meno . Questo aspetto degli australiani è fenomenale: la gente è molto aperta e non ci pensa due volte ad attaccarti bottone, a scambiare quattro chiacchere o ad aiutarti nel caso tu ne abbia bisogno! Crediamo sia una delle cose piu belle della cultura australiana!
Dopo cena troviamo un posticino a strapiombo sul mare, parcheggiamo a culo indietro, apriamo il baule e ci addormentiamo osservando le onde spumeggiare sotto la luna piena.

CONSIGLIO : Quando viaggiate prendetevi il tempo di parlate con la gente del posto; vi regaleranno una miriade di info utili.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>